THERMOCENTRO,
una divisione di WULLSCHLEGER GROUP SA

Archivio 2020

Feed RSS
Risultati per pagina:     Pagina 1 di 1
Categorie : News - Blog
03
06
2020
Pellet: energia ad impatto zero!
Quando parliamo di energia dal legno parliamo in realtà di energia solare accumulata. Si tratta di energia rinnovabile e ad impatto climatico zero: ciò significa che durante la combustione del legno viene emessa la stessa quantità di CO2 che è stata assorbita dall’albero stesso durante la sua crescita. Chi scalda a pellet, inoltre, può scegliere autonomamente la provenienza del proprio combustibile, rendendosi indipendente dal mercato estero. Il pellet svizzero, infatti, sarà sempre disponibile, in quanto segherie e foreste assicurano un approvvigionamento continuativo di materia prima.

22
05
2020
Cosa rende tanto ecologico il pellet?
Il bilancio ecologico dimostra che chi riscalda con il pellet protegge l’ambiente e il clima. Il riscaldamento a pellet ottiene,infatti, i migliori risultati messo a confronto con le pompe di calore, ma anche con gli impianti a biogas, gas naturale e gasolio. L'energia generata dal pellet è tanto ecologica perché: vanta una quota molto bassa di energia grigia, basti pensare che l’energia proveniente da vettori fossili ne contiene sei volte di più; le emissioni di polveri fini generate dal riscaldamento a pellet sono meno della metà rispetto al limite prescritto dall’Ordinanza contro l’inquinamento atmosferico la disponibilità di pellet è a livello regionale e i tragitti di trasporto sono dunque brevi. Fonte: proPellets.ch

30
04
2020
Qual è la differenza fra la termostufa/idrostufa e la stufa?
Le termostufe, dette anche idrostufe, funzionano esattamente come le stufe a pellet canoniche, la sola differenza sta nel fatto che possono essere collegate al vostro impianto termoidraulico di distribuzione del calore e quindi la termostufa è usata per scaldare l’acqua dei termosifoni o dell’impianto di climatizzazione a pavimento, sostituendosi dunque alla caldaia. Il principio di funzionamento della termostufa è quello della non-dispersione del calore, è per questo che toccandola risulterà meno calda rispetto a una stufa convenzionale. Il motivo è semplice: la termostufa trasmette la maggior parte del calore all’acqua che circola nello scambiatore di calore e una volta calda viene immessa nell’impianto termoidraulico. La termostufa può essere posizionata in qualsiasi ambiente della casa vogliate, in quanto  il suo scopo non è tanto quello di scaldare l’ambiente in cui è posiziona..

20
04
2020
Come si stocca il pellet?
Le possibilità di stoccaggio del pellet sono diverse e la scelta di un sistema piuttosto che un altro dipende soprattutto dallo spazio a disposizione. L’installatore della caldaia, valutata la vostra soluzione, saprà consigliarvi sulla scelta migliore da adottare. Ecco di seguito alcune soluzioni!   Silo in tessuto Semplici da installare, i silo in tessuto offrono grande flessibilità di posizionamento e non richiedono particolari interventi edili. Il tessuto utilizzato per questi silo è antistatico,  permeabile all’aria ma ermetico alla polvere. Sul mercato ve ne sono di diverse misure, a seconda della necessità, fino a una capienza di 12 tonnellate. © proPellets.ch Serbatoio interrato In caso di mancanza di spazio all’interno, c’è la possibilità di installare all’esterno un serbatoio interrato. Realizzato in beton, in materiale sintetico o in poliestere GFK,..

14
04
2020
Come smaltire la cenere?
La combustione del pellet genera una quantità ridotta di cenere. 1 tonnellata di pellet bruciato produce circa 2 kg di cenere. Questo, in termini pratici, significa che il cassetto della cenere non necessita di essere svuotato di frequente. Se dunque vi trovate a pulire quotidianamente la cenere ostinata dal braciere della vostra stufa a pellet, c’è senza dubbio un problema, spesso legato alla qualità del pellet. Gli elementi contenuti nella cenere del pellet, compresi i metalli pesanti, sono di origine naturale, in quanto la pianta li ha assorbiti dall’ambiente durante la sua crescita. Tuttavia, dato il quantitativo minimo di cenere generata, la concentrazione di questi elementi è elevata, per tal motivo la cenere del pellet è sconsigliata quale fertilizzante per il giardino. Come smaltire la cenere in modo corretto: chiedere allo spazzacamino di smaltirla in occasione della regolare manutenzione per i piccoli..

02
04
2020
Quale pellet scegliere?
Non tutto il pellet è uguale: è indispensabile fare attenzione alla qualità! La diffusione del pellet ha portato negli anni a una crescente offerta, talvolta di dubbia qualità. Per saper scegliere al meglio è indispensabile conoscere le caratteristiche del pellet di qualità, consapevoli dei rischi a cui si va incontro con l’utilizzo di pellet scadente.  Quali sono le caratteristiche principali del pellet? potere calorifico: deve essere fra 4,5 e 5,5 kWh/kg. Più  è alto il numero, migliore è la qualità del pellet valore  relativo al residuo di cenere: indica il grado di sporco che il pellet lascia all’interno della macchina, il valore deve essere minore dell’1% percentuale di umidità: non deve superare l’8%. Se maggiore, diminuisce il potere calorifico del pellet, causando uno spreco di combustibile   dimensioni: sono importanti per otti..

26
03
2020
Pellet: efficiente, ecologico e conveniente
Alla domanda "Perché scegliere il pellet?", la risposta è una sola: "Perché è efficiente, ecologico e conveniente!". Il riscaldamento a pellet si basa su un’avanzata tecnica di combustione che presuppone che la quantità di combustibile e gli altri parametri siano regolati in modo da garantire una combustione ideale. L’elevata qualità stessa del pellet permette una combustione con emissioni controllate ed estremamente basse. Tale qualità è regolamentata da precise norme che delineano dei limiti per quanto concerne le parti fini, il potere calorico, il tenore di cenere e il contenuto di acqua. Non si deve inoltre dimenticare che trattandosi di combustibile a legna, il pellet ha un ciclo di emissioni neutro, vale a dire che durante la sua combustione viene emessa la stessa quantità di anidride carbonica prelevata precedentemente dalla pianta prima del taglio. In altre parole, l..

12
03
2020
Cos'è il pellet e come viene prodottto?
Il pellet è un concentrato di energia prodotto da scarti di legno! Questo combustibile è composto da segatura, trucioli e scarti di legno non trattato, provenienti principalmente dall’industria della lavorazione del legno. La materia prima secca viene sottoposta a un’elevata pressione e vengono così creati i piccoli cilindretti. Un singolo cilindretto di legno pressato misura fino a 4 cm di lunghezza e ha un diametro di 0,6 cm. Il tenore di umidità del pellet non supera il 10%. Il pellet è un vero concentrato di energia: due chilogrammi valgono come un litro di olio da riscaldamento e se ne possono ricavare ben 10 kWh! Ma entriamo più nel dettaglio... come avviene la produzione di pellet? Una volta controllata, la materia prima (segatura, trucioli e scarti del legno) viene essiccata, a seconda del bisogno. Dopo l’essicazione, si procedere con la decontaminazione dai corpi estranei; la presenza, infatti, di un si..

04
03
2020
Il vostro impianto ad olio è arrivato a fine vita?
Il vostro riscaldamento ad olio è quasi arrivato a fine corsa? Avete pensato di sostituirlo con uno a combustibile rinnovabile? Il pellet può rivelarsi una scelta economica, ecologica ed efficiente! Il passaggio si rivelerà anche semplice, in quanto il locale caldaia esistente può essere utilizzato per la nuova caldaia a pellet. La stessa cosa vale per il locale che ospita il vecchio serbatoio dell'olio da riscaldamento che può essere convertito in deposito per il pellet in tutta facilità: sia che il locale venga dotato di un fondo inclinato, sia che venga installato un comodo silo prefabbricato, nella maggior parte dei casi lo stoccaggio del fabbisogno annuo di pellet sarà possibile senza alcun problema. Di norma, inoltre, è possibile riutilizzare i collegamenti idraulici già esistenti. Il pellet è un combustibile adatto a qualsiasi situazione, può infatti alimentare qualsiasi sistema di ris..

29
02
2020
2019: altro anno da record per il pellet in Svizzera!
In Svizzera, il 2019 ha fatto registrare un netto aumento sia della domanda che dell’offerta di pellet. La quota di pellet nazionale sul totale del pellet acquistato in Svizzera ha raggiunto il 77%: ben 257’000 tonnellate di pellet con un incremento del 6% rispetto al 2018. Un altro 10% arriva dalla Germania, un 6% dall’Austria, altrettanto dalla Francia e un 1% da altri Paesi. Da un punto di vista ambientale, è importante far presente che la Svizzera e i Paesi confinanti da cui proviene il resto del pellet mettono in pratica un’economia forestale sostenibile e controllata per legge. Il pellet viene prodotto con gli scarti delle aziende della lavorazione del legno e presenta così un ottimo bilancio ecologico, aggiudicandosi a pieni voti il titolo di combustibile rinnovabile! Nell'anno appena trascorso le vendite di sistemi di riscaldamento a pellet sono aumentate di circa il 10% e sono state consumate circa 332’000 tonnellate ..

21
01
2020
La fiamma olimpica... a pellet svizzero
Dal 9 al 18 gennaio 2020 si sono tenuti a Losanna i Giochi Olimpici Giovanili e fra le varie medaglie d’oro una molto particolare è andata al Canton Vaud! In questo caso le prestazioni sportive non c'entrano, si tratta di una medaglia ecologica! Non tutti sanno, infatti, che la fiamma della fiaccola olimpica, in questa occasione, e per la prima volta, è stata alimentata a pellet!   I Giochi Olimpici Giovanili di Losanna 2020 si erano posti come obiettivo quello di farsi da modello a livello sociale ed ecologico, proprio per questo il comitato organizzativo si è subito entusiasmato all’idea di Philippe Nicollier, presidente di Lignum Vaud, nel proporre una fiaccola olimpica, alimentata con combustibile rispettoso dell’ambiente e locale. Fornire una fiamma completamente autonoma che bruciasse ininterrottamente non è stato per nulla un gioco da ragazzi! La sfida si è tradotta nella ideazione e costruzione di un bruc..

S. Antonino
T +41 (91) 850 45 67

Email
info@thermocentro.ch

 

© Thermocentro, S. Antonino (Svizzera) | +41 (91) 850 45 67 | info@thermocentro.ch